,

Risoluzione grafica

Vediamo insieme cosa si intende per risoluzione grafica

Molte persone tendono a confondere la risoluzione grafica con la qualità di una determinata foto o di un video, anche se simili, le due cose sono separate ma un rapporto preciso ed adeguato tra le due ci permetterà di avere una buona visione sul nostro schermo.

Quando si parla di risoluzione grafica si parla semplicemente della quantità di pixel che si trovano o che si possono generare in uno schermo. (Prima di proseguire se vi siete persi l’articolo sul pixel vi consiglio di andarvelo a leggere).

In base alla quantità di pixel che possono essere contenuti o essere generati in uno schermo si hanno varie risoluzioni grafiche. Quella più diffusa è la risoluzione 1920×1080 ovvero 1920 pixel orizzontali per 1080 pixel verticali per un totale di 2.073.600 pixel. Questa risoluzione è chiamata semplicemente Full High Definition (FHD). 

Risoluzioni standard

Qui in basso un elenco di alcune risoluzioni grafiche più “commerciali”;

  • Standard Definition  [SD]  [720×576]  [414.720 pixel]
  • High Definition  [HD]  [1280×720]  [921.600 pixel]
  • Full High Definition  [FHD]  [1920×1080]  [2.073.600 pixel]
  • Ultra HD  [4k]  [3840×2160]  [8.294.400 pixel]

La risoluzione messa in pratica

Cosa significa avere una tv in FHD? Significa che l’output (uscita) della tv è in FHD e non ha nulla a che vedere con la risoluzione dell’immagine che viene proiettata, infatti se proiettiamo in tv un’immagine con una risoluzione HD (1280×720) risulterà meno nitida di un’immagine con risoluzione FHD, questo fenomeno accade perchè l’immagine in HD composta da 1280 pixel per 720 pixel per un totale di 921.600 pixel dovrà andare a ricoprire tutti i pixel che la vostra tv in FHD mette a disposizione quindi 1920 pixel x 1080 per un totale di 2.073.600.

Bisogna tenere in considerazione lo schermo sul quale proiettiamo un immagine, più la risoluzione dello schermo sarà maggiore rispetto a quella dell’immagini più perdita di qualità avremo. L’esempio più comune è quello di guardare un film in HD su un televisore nuovo che ha una risoluzione in 4k. Il film in HD composto da 921.600 pixel dovrà andare a ricoprire tutti gli 8.294.400 pixel messi a disposizione dalla tv in 4k, quindi l’immagine in HD verrà scalata con la conseguenza perdita di qualità (qui parliamo di un’esperienza al limite del godimento per quanto riguarda i miei gusti). Lo stesso discorso vale se cerchiamo di proiettare un video in 4k su un monitor in HD, la qualità che vedremo non sarà in 4k nativa bensì in HD. La risoluzione HD ammette solo 921.600 pixel ed il 4k 8.294.400 pixel, in questo caso qualche pixel si dovrà sacrificare perchè non c’è spazio per tutti nello standard HD, quindi in parole povere l’immagine in 4k verrà scalata in HD con la conseguenza perdita di pixel. L’effetto che otterremo sarà più o meno godibile ma in questo modo avremmo solo sprecato tempo e soldi nell’aver comprato un blu-ray se il nostro obbiettivo era quello di vedere un film in 4k.

Risoluzione sui dispositivi mobile

In questo caso spenderò poche parole sui dispositivi mobile perchè entreranno in gioco termini che spiegherò in un altro articolo magari dedicato al pixel.
Vi basti sapere che lo standard utilizzato per gli smartphone è il FHD anche se il 4k ormai è in dirittura di arrivo. Ha senso una risoluzione 4k su uno smartphone da 5,20 pollici?
Beh dipende, la cosa che conta in uno smartphone sono i pixel per pollice ovvero i PPI.
I PPI non sono altro che la quantità di pixel esistenti o che possono essere generati in un pollice (2,54 cm), l’occhio umano riconosce ad una distanza di 25/30 cm (che dovrebbe essere la distanza ottimale tra il display e il nostro viso) fino a 300 PPI, quindi uno smartphone con una capacità superiore a 300 PPI avrà sicuramente una buona resa. Il discorso cambia se ci avviciniamo allo smartphone, più ci avviciniamo più aumenteranno i PPI necessari per far sì che l’occhio umano non percepisca i singoli pixel.

Possiamo affermare in sintesi che ad una distanza ottimale e,  ad un valore uguale e superiore di 300 PPI l’occhio umano non nota migliorie se aumentiamo la risoluzione.

Apple per molti anni ha rilasciato iphone con una risoluzione grafica molto bassa rispetto alla concorrenza ma nonostante ciò è sempre riuscita a mettersi in discussione grazie al suo numero elevato di PPI.

Perchè capire cos’è la risoluzione grafica

Secondo il mio modesto parere capire cos’è la risoluzione grafica è un qualcosa di più o meno importante, acquistare al giorno d’oggi un dispositivo, che sia un dispositivo mobile, quale tablet, smartphone oppure una semplice tv è cosa facile e per tutti. Tutti possono comprare televisori in 8k molti produttori le hanno presentate proprio al CES 2017 di Las Vegas ma a cosa serve comprare una tv con tale risoluzione se poi i contenuti che andremo a proiettare sono a stento in FHD? A rimpiangere i soldi spesi ovviamente, visto che la visione sarà poco godibile.

Scritto da Enzo De Simone

20 anni di pura passione per ogni tipo di tecnologia. Tutto il resto è noia!

Commenti