,

Dipendenza da social: rischio ansia e depressione

I social media nell’era 2.0 hanno un lato negativo, secondo una ricerca condotta negli States, i giovani che utilizzano troppi social rischiano di sviluppare disturbi legati all’ansia e alla depressione tre volte più facilmente rispetto a coloro che ne utilizzano solo due o tre.

Sembra quindi che il tempo passato ad aggiornare profili, postare foto e video, conti meno del numero totale di profili attivi. Il legame trovato tra uso di molti social e rischio ansia e depressione è così forte che i medici dovrebbero tenerne sempre conto e chiedere ai propri pazienti che soffrono di ansia e depressione che uso fanno dei social per poi dare adeguato supporto, così da aiutare i proprio pazienti ad utilizzare meno social media.

La ricerca è stata condotta da alcuni ricercatori dell’Università di Pittsburgh e pubblicata sulla rivista scientifica Computers in Human Behavior su un campione di 1.800 ragazzi che sono stati monitorati attraverso diversi test per identificare ansia e depressione.

Tutti i ragazzi hanno giustamente dovuto specificare quali social utilizzano normalmente tra Facebook, Twitter, Instagram, Snapchat, Google Plus, Tumblr, Vine, Pinterest e LinkedIn.

Scritto da Matteo Vismara

Tecnologicamente attivo, "addicted" a tutto ciò che si illumina e che produce codice binario, cresciuto a pane e tecnologia cercherò di tenervi informati sulle ultime novità spaparanzato su quel ramo del Lago di Como.

Commenti

  • Alessio Comper

    Credo che lo studio sia stato condotto su utenti molto giovani perché trovo assurdo arrivare ad essere ansiosi per l’uso di uno o più social networks.

    • Ciao Alessio, l’eta non è stata specificata la penso pure io cosi per quanto riguarda la fascia, molto bassa, ma credimi sono molto le persone che prendono ansia quando devono gestire 6 o 7 social differenti, dopo un pò di tempo subentra un fattore X che ti porta a crollare.