, ,

Parametri più severi per le app del Play Store

Google ha deciso di privilegiare la qualità anziché la quantità delle app

Con la presentazione del nuovo Android sono state presentate le novità con un unico obiettivo: migliorare l’esperienza d’uso e la soddisfazione degli utenti. Un traguardo che può essere raggiunto solo migliorando la stabilità del sistema e delle App e l’efficienza delle stesse. Infatti per colpa di molte app scritte o compilate male il sistema risente di Battery Draining(Scaricamento rapido della batteria) o di chiusure forzate o di freeze del sistema operativo. Con Android O è diventata una priorità alzare la qualità in vista degli obiettivi prefissati e sopratutto che i programmatori scrivano codice migliore più semplice e ottimizzato per permette di far girare bene Android. Il project manager di Google Fergus Hurley ha annunciato che il nuovo Play Store penalizzerà le app meno ottimizzate secondo alcuni parametri:

  • La non risposta dell’app
  • il numero di crash che ha subito
  • Il Battery Draining dell’app in Background(Nascosta con il solo processo aperto per aggiornarsi)
  • Con WakeLock(Risvegli dello smartphone) maggiori di 10 in un’ora
  • Minori di 60 Fps(Frame per second)
  • Vari lag(blocchi)

Quando uno di questi parametri scenderà sotto il 25% scatteranno delle sanzioni che per adesso si presume che queste App possano automaticamente fatte scendere di classifiche a dispetto delle più ottimizzate anche se in futuro si vocifera che come sanzione massima ci potrà essere l’eliminazione dell’App.

Scritto da Davide Moro

Sono un ragazzo giovanissimo "tecnology addicted" pugliese precisamente di Ostuni, da quando ero piccolo già la tecnologia mi affascinava in tutti i suoi aspetti, alla fine è diventata una delle tante passioni che ho. E sopratutto mi piace condividerla con voi informandovi delle ultime notizie del settore.

Commenti