,

Le stampanti ci spiano con i punti gialli

Una grande scoperta questa che mette in allarme molti esperti della sicurezza vediamo come e quali sono i pericoli

Alcuni giorni fa dei giornalisti di una noto sito web hanno contattato l’NSA (National Security Agency) per chiedere conferme riguardo ad un documento ricevuto da una fonte anonima.

Il documento dava informazioni riguardo a dei tentativi da parte della Russia di intervenire nelle elezioni del presidente americano.

Per autenticarlo i giornalisti hanno dato una copia del documento all’NSA ma facendo ciò hanno permesso che l’agenzia scoprisse chi aveva dato questa informazioni a loro e quindi bruciando la fonte definitivamente. 

L’identità di questo informatore secondo NSA è Reality Leigh Winner una dipendente di una società a stretto contatto con l’agenzia.

Questo episodio ha ricordato alcuni episodi del passato, già nel 2004 questa cosa era venuta a galla che molte stampanti a colori oltre al testo o alle immagine stampavano uno schema particolare di “punti gialli” stampanti con un giallo molto chiaro si trovavano in tutti i documenti stampanti da quella stampante con una tecnica chiamata steganografia. Questi punti indicano il seriale della stampante e la data e l’ora della stampa, e nel caso del documento indicavano il 9 maggio 2017 e un seriale 535218 o 29535218. Questa tecnica di tracciamento e molto usata dall’NSA per sapere se pure la vostra stampante vi spia potete visitare il sito della EFF(Electronic Frontier Foundation) che ha stilato una lista delle stampanti affette da questa caratteristica. Se la vostra stampante non è in lista potete controllare attraverso un software che ha sviluppato la EFF che vi dice la data/ora e il seriale. Per avere più informazioni su questo argomento visitare anche questo altro sito.

Scritto da Davide Moro

Sono un ragazzo giovanissimo "tecnology addicted" pugliese precisamente di Ostuni, da quando ero piccolo già la tecnologia mi affascinava in tutti i suoi aspetti, alla fine è diventata una delle tante passioni che ho. E sopratutto mi piace condividerla con voi informandovi delle ultime notizie del settore.

Commenti