,

Microsoft vuole utilizzare l’Intelligenza Artificiale contro i virus su Windows 10

Gli ultimi malware WannaCry e Petya hanno seminato scompiglio in tutto il mondo, Microsoft ha una contromossa per fronteggiare future minacce

Con il prossimo aggiornamento Fall Creators Update verranno integrate nuove funzioni di sicurezza per ostacolare i virus che cercano di compromettere il sistema.

In un periodo costellato da attacchi informatici e sopratutto l’utilizzo di alcune vulnerabilità di cui si era già a conoscenza il potenziale effetto devastante che avrebbero provocato, Microsoft cerca di correggere i suoi sbagli e affidarsi all’Intelligenza Artificiale. 

Secondo quelli di Microsoft l’industria potrebbe fare di più e infatti il loro obiettivo è implementare machine learning, automazione e analisi comportamentale a servizio di Windows Defender per fronteggiare e conoscere qualsiasi minaccia nuova o vecchia che sia. Il nome di questa particolare componente sarà Windows Defender Advanced Threat Protection (ATP) componente profondamente integrato nel sistema per proteggere e rispondere alle varie minacce.

Le nuove funzioni che troviamo sono:

  • Windows Defender Expoit Guard: abbinato ad EMET (Enhanced Mitigation Experience Toolkit) che permette di mitigare le vulnerabilità, Exploit Guard  dice come comportarsi attraverso un insieme di policy riguardo a qualsiasi exploit anche gli zero-day. 
  • Windows Defender Application Guard: progettato per contenere l’infezione e impedire che si diffonda alla rete locale, se per caso un computer nella LAN scarica qualcosa e viene infettato WDAG contiene l’infezione mettendo in sicurezza dispositivi, dati, programmi e percorsi di rete da un eventuale diffondersi dell’infezione.

Inoltre nel Fall Creators Update verrà anche integrata l’Intelligenza Cloud per identificare pericoli in evoluzioni tramite vari segnali per bloccarli e contrastarli. Se per esempio un programma che alloca di solito poca memoria in questo momento ne sta allocando almeno il doppio o il triplo questo nuovo sistema è in grado di rilevare e combattere la minaccia, grazie alla costruzioni di modelli di Machine Learning per i programmi comuni Microsoft sarà in grado di proteggere dalle minacce prima che si verifichi l’attacco. 

Scritto da Davide Moro

Sono un ragazzo giovanissimo "tecnology addicted" pugliese precisamente di Ostuni, da quando ero piccolo già la tecnologia mi affascinava in tutti i suoi aspetti, alla fine è diventata una delle tante passioni che ho. E sopratutto mi piace condividerla con voi informandovi delle ultime notizie del settore.

Commenti