,

Come liberare e aumentare la RAM a disposizione su Android

Vediamo insieme come liberare e aumentare la memoria RAM sui dispositivi Android

Come aumentare la RAM sui dispositivi Android

Ci sono diversi modi per liberare RAM e averne a disposizione un quantitativo maggiore nei nostri dispositivi Android. Di seguito vi illustreremo alcuni consigli per averne a disposizione sempre un po’ di più di quello che il produttore ha impostato di default.

Come ben sappiamo le applicazioni sono le responsabili dirette del consumo di RAM, ovviamente dopo il sistema operativo che ha priorità su tutto per fornire le funzionalità di base che ci servono.

Le applicazioni per funzionare hanno bisogno di processi che nei meandri dell’OS si fanno strada per garantire le funzionalità: notifiche, gestione impostazioni, azioni conseguenti a determinati eventi, etc!

Tutto ciò si traduce in consumo di RAM che può essere più o meno ampio, dipendentemente dal tipo e a da quante applicazioni si utilizzano.

Quindi che fare per liberare memoria RAM?

La soluzione è di disinstallare le Applicazioni che non si utilizzano più o, semplicemente, disattivarle. La funzione non è identica e può capitare anche che un’App disattivata lanci di tanto in tanto un processo invisibile che consuma RAM: cosa che non avviene proprio quando la disinstalliamo!

Oppure ancora ci si può ricordare di chiudere dal multitasking le App che non ci servono e farlo in maniera frequente durante la giornata. Android gestisce automaticamente questo tipo di processi ma non tutti gli Smartphone sono uguali e, sapere che si possono chiudere manualmente, è comunque una possibilità in più.

Il Launcher può essere anche la Homescreen che accompagna le nostra azioni di base durante l’uso giornaliero del dispositivo: ci accediamo davvero svariate volte ed è sempre attivo con i suoi processi durante l’arco di una giornata, ecco perché è un altro responsabile dell’utilizzo costante di RAM.

Qui la soluzione è cercare di trovare un buon compromesso tra caratteristiche, funzioni visive e prestazioni. Occhio, quindi, alla RAM quando ne utilizzate diversi, e, se notate un consumo eccessivo, limitate gli effetti dello stesso dal relativo menù impostazioni o utilizzatene un altro! Provare non costa nulla e, sopratutto, potrete trovarne uno più bello dell’altro!

Ci sono poi anche altri processi e applicazioni riconoscibili che sono sempre lì memorizzati nella RAM:

  • Sistema operativo Android;
  • Tastiera;
  • Impostazioni.

Se volessimo andare ad eseguire un intervento molto più approfondito, le cose si fanno serie ma anche più articolate.

Il procedimento che vi andiamo ad illustrare è stato testato su un Nexus 5 con Android Marshmallow con i permessi di Root attivi.

Requisiti:

  • Permessi di root: qui dovete un po’ cercare sul web (XDA.com) e poi continuare con la nostra guida, perché ci sono milla mila smartphone basati su Android e molti, moltissimi di loro hanno una procedura differente per come ottenerli;
  • App da scaricare dal Play Store: RAM Manager Free.

RAM-Manager

Una volta installata l’applicazione RAM Manager Free apriamola e permettiamogli di effettuare modifiche Root con la finestra che si aprirà la prima volta che ci accederete.

Con un gesto dalla parte estrema sinistra verso destra si aprirà un carosello e, una volta averlo visualizzato, premete su Swap file.

Ora potrete scegliere il percorso dove creare la porzione di RAM di cui abbiamo parlato sino ad ora e la relativa dimensione!

Consigliamo una posizione subito raggiungibile senza troppe sotto cartelle: visto che avete attivi i permessi di Root va bene anche “/storage/” e poi la dimensione che volete attribuirgli.

Non aumentate lo spazio dedicato al file di Swap oltre i 2 GB:

Se avete deciso di attribuirgli 1 GB, scriverete 1024 MB; Se decidete il taglio da mezzo GB scriverete 512 MB, etc…

Date la conferma e attendete la fine del processo, si completerà in pochi minuti e comunque in base all’hardware che avete a disposizione.

Infine, tornate alla schermata precedente e flaggate su “applica all’avvio” per confermare il tutto e far attivare il file di Swap ad ogni avvio del terminale!

Ecco fatto! Avete aumentato la memoria RAM del vostro dispositivo.

Continuate a seguirci per tante altre guide sul mondo mobile.

Scritto da Giulio Antenucci

Amo la musica, mi mette di buon umore. Appassionato di tecnologia: #APPLE addicted; amo essere sempre informato riguardo le ultime novità tecnologiche. Mi piace fotografare ed amo stare in compagnia davanti una birra

Commenti