,

Come preparare il Mac all’installazione di macOS 10.13 High Sierra

Alcuni consigli su come preparare correttamente il Mac prima di installare il nuovo sistema operativo

Come preparare il Mac all’installazione di macOS 10.13 High Sierra

Nella giornata odierna, intorno alle ore 19, verrà rilasciato 10.13 High Sierra, il futuro sistema operativo del Mac. Per non arrivare impreparati all’arrivo del nuovo sistema operativo, di seguito una guida con alcune informazioni essenziali su come prepararsi e cosa fare prima di installare il nuovo sistema operativo.

In primis vi illustriamo su quali macchine funziona e quali sono i requisiti per poterlo installare.
macOS High Sierra è compatibile con MacBook e iMac fine 2009 e seguenti, e MacBook Air, MacBook Pro, Mac mini e Mac Pro 2010 e seguenti. Alcune particolarità, esempio l’Auto Unlock (funzione che consente di sbloccare ed eseguire login al Mac in automatico quando si indossa l’Apple Watch) sono supportate solo sui Mac metà 2013 e seguenti. Apple indica un quantitativo minimo di 2GB di memoria RAM ma High Sierra funziona meglio su macchine con 4GB. Il nostro consiglio – se la vostra macchina lo consente – è di portare la RAM ad almeno 8GB: ne trarrà beneficio il sistema e le varie applicazioni in generale. Lo spazio su disco richiesto varia dai 15 ai 20GB. Assicuratevi dunque di avere abbastanza spazio libero prima di installare il nuovo sistema. Il requisito minimo per passare al nuovo sistema è la presenza di OS X 10.8 o seguenti.

Prima di installare un nuovo sistema operativo dobbiamo verificare che il sistema attuale sia aggiornato. Basta, con i sistemi più recenti, selezionare la voce “Aggiornamenti” dal Mac App Store.

Con questa operazione andremo a verificare la presenza di aggiornamenti software di Apple o di quelli presenti nello store; i software di terze parti devono essere aggiornati dalle rispettive applicazioni o verificando sul sito dei produttori se esistono versioni aggiornate.

Le versioni più recenti di tutte le applicazioni più note sono compatibili senza problemi con mac OS High Sierra. Generalmente se i programmi funzionano su macOS 10.12, funzioneranno anche su macOS 10.13. Potrebbe ad ogni modo esserci qualche eccezione: se utilizziamo programmi indispensabili per noi, bisogna andare a verificare sui siti degli sviluppatori se i software in questione sono compatibili o no con macOS High Sierra. Le software house hanno da tempo installato le varie versioni preliminari del sistema operativo e le applicazioni più note sono tutte compatibili con il nuovo sistema.

Sui Mac che usano come disco di avvio unità SSD, macOS High Sierra convertirà automaticamente il filesystem di quest’ultime nel nuovo formato APFS con vari vantaggi in termini di velocità e sicurezza.

Rimuoviamo le applicazioni inutili
Se nel nostro Mac abbiamo applicazioni che non utilizziamo approfittiamo di questa installazione per fare un po’ di pulizia. Per disinstallare un programma sul nostro Mac non dobbiamo fare altro che trascinare la relativa icona nel cestino.

Se avete problemi in questo articolo vi illustriamo come disinstallare i programmi dal Mac.

Eliminare estensioni inutili o non più usate da Safari
Safari, il browser di default con macOS,  può integrare funzionalità aggiuntive di terze parti, comunemente chiamate “estensioni”. Alcune di queste estensioni, se non scritte bene, possono interferire con il corretto funzionamento del browser. È facilissimo disinstallarle ed eliminarle: avviamo Safari, selezioniamo dal menu “Safari” la voce “Preferenze”, portiamoci nella sezione “Estensioni” e rimuoviamo le estensioni che non utilizziamo.

Arrivati a questo punto possiamo fare un bel backup del nostro Mac, in modo da tornare indietro se qualcosa dovesse andare storto durante o dopo l’installazione di macOS High SIerra. Possiamo fare le copie con Time Machine, preziosa utility integrata di serie in OS X che consente di fare il backup su un’unità esterna (es. un HDD collegato via USB) o su un disco di rete. Basterà semplicemente collegare l’unità e impostarla per l’uso con Time Machine; collegando la prima volta un disco, il sistema chiede automaticamente se si vuole usare per Time Machine. In alternativa è possibile aprire “Time Machine” da Preferenze di Sistema e attivarlo indicando l’unità di destinazione. Time Machine esegue automaticamente il backup dell’intero Mac, inclusi i file di sistema, le applicazioni, gli account, le preferenze, i messaggi email, la musica, le foto, i filmati e i documenti.

Aggiorniamo il Mac

A questo punto abbiamo eliminato le applicazioni inutili, eliminato estensioni inutili e ricostruito file di cache. Il computer è correttamente pronto all’installazione di macOS 10.13: potremo scaricare e installare OS X 10.13 / macOS High Sierra con la sicurezza di avere a che fare con un sistema pulito e ben funzionante.

Dopo aver scaricato il software dal Mac App Store, partirà in automatico il pacchetto di installazione. Facciamo click su “Continua”, accettiamo la licenza d’uso, selezioniamo il disco destinazione e facciamo click su “Installa”. Verrà richiesta la password dell’utente amministratore, dopodiché partirà la copia dei file vera e propria. La durata dell’installazione cambia secondo il computer usato: generalmente in massimo 40 minuti (molto dipende dal tipo di computer e dall’unità disco installata al suo interno), il sistema è installato e pronto all’uso. Durante questa fase verrà richiesto il riavvio del computer per portare al termine l’installazione.

Scritto da Giulio Antenucci

Amo la musica, mi mette di buon umore. Appassionato di tecnologia: #APPLE addicted; amo essere sempre informato riguardo le ultime novità tecnologiche. Mi piace fotografare ed amo stare in compagnia davanti una birra

Commenti