,

Google Pixel 2 e Google Pixel 2 XL: eccoli

Google ha presentato i due nuovi smartphone Google Pixel 2 e Google Pixel 2 XL

CarosrllocaroselloFinalmente sono arrivati: ecco Google Pixel 2 e Google Pixel 2 XL

Google ha da poco svelato i nuovi Google Pixel 2 e Google Pixel 2 XL.

I Google Pixel, come già anticipato nell’articolo di questa mattina, sono la nuova linea di smartphone sviluppata e idea da Google che va a sostituire la linea Nexus e punta in alto per concorrere direttamente con Apple e Samsung.

Anche Google lancerà, come ha già fatto Apple, lancerà prima un dispositivo dal design più tradizionale con specifiche al top, ma che in qualche modo sarà leggermente diverso rispetto al fratello maggiore senza bordi.

Google-Pixel-2-color

 

Google Pixel 2 e Google Pixel 2 XL ecco le specifiche tecniche

Google Pixel 2

Lo smartphone con il quale Google non rinuncia ad un tradizionale pannello 16:9 da 5″ con risoluzione FullHD 1080p. A bordo troviamo un processore Qualcomm Snapdragon 835 con GPU Adreno 5404GB di memoria RAM e tagli di memoria da 64 e 128GB. La fotocamera frontale è da 8 MegaPixel con rapporto f/2.4; quella posteriore invece è da 12.2 MegaPixel. Completissima la connettività, che include anche un modulo Bluetooth 5.0, GPS, GLONASS e una Electronic SIM integrata. Finalmente, arriva la certificazione IP67 dedicata alla protezione contro acqua e polvere.

Google Pixel 2 XL

Google Pixel 2 XL è lo smartphone che porta Google nel mondo dei 18:9 grazie ad un pannello P-OLED da 5.99″ QHD+ da 2880 x 1440 pixel. Per il resto il nuovo smartphone mantiene tutte le caratteristiche principali del suo fratello minore.

Le differenze oggettive le troviamo come detto nel design decisamente più conservativo su Pixel 2. Lo smartphone più compatto si ripropone nelle linee molto simili al passato, caratterizzate da due evidenti bordi posti nella parte superiore e inferiore del terminale. Fortunatamente Google ha scelto di integrare un doppio speaker frontale, scelta che però viene mantenuta anche su Pixel 2 XL, annullando quindi ogni possibile giustificazione al design retrò di Pixel 2. Purtroppo, su entrambi, sparisce il jack audio da 3.5mm, in favore della porta Type-C.

Il Google Pixel 2 XL  invece si avvicina maggiormente alle linee che si stanno caratterizzando in questo 2017, anche se lo la sua scocca non si spinge verso il borderless estremo. Come possiamo vedere le cornici sono decisamente meno evidenti, ma pur sempre sufficienti ad integrare gli speaker frontali e a non costringere Google a posizionare la fotocamera anteriore in zone diverse da quella in cui ci si aspetta di trovarla. Inoltre troviamo anche un display con angoli arrotondati.

La parte posteriore accomuna entrambi i dispositivi; su entrambi abbiamo due fasce cromatiche diverse tra loro e il sensore di impronte digitali posto in quella più ampia. Troviamo anche una scelta stilistica molto simile per quanto riguarda la fotocamera posteriore, al netto della posizione del flash LED che viene ribaltata tra i due terminali. Pixel 2 e Pixel 2 XL condividono anche i materiali con cui sono stati realizzati, offrendo delle scocche in metallo con una piccola finestra in vetro nella parte posteriore. Le differenze, a parte quelle relative al display, emergono anche confrontando la capacità della batteria, con Pixel 2 che ci offre un’unità da 2700 mAh, a differenza della più rassicurante 3520 mAh di cui è dotata la variante XL.

Tornando a parlare del comparto fotografico possiamo dire che la fotocamera di Google Pixel 2 si è posizionata al primo posto su DxOMark con un punteggio complessivo di 98. Le specifiche includono un rapporto f/1.8, sensore da 1/2.6″, modalità HDR+ e, finalmente, stabilizzatore ottico OIS. Presente anche il supporto alle nuove funzioni di realtà aumentata e alla modalità ritratto, anche con una sola fotocamera.

Parlando a livello software troviamo su entrambi gli smartphone Android 8.0 Oreo in versione ovviamente stock; non mancano le personalizzazioni software, dedicate ad una feature hardware di Pixel 2 XL. Quest’ultimo eredita i bordi Edge Sense di HTC, permettendo quindi di interagire con il terminale tramite la pressione dei suoi bordi, con cui possiamo richiamare Google Assistant. Possiamo trovare una particolare ricollocazione della barra di ricerca Google, ora posta nella parte bassa della schermata Home, quindi più facilmente raggiungibile, e un nuovo sistema di riconoscimento musicale sempre attivo che si integra anche con la funzione Always On.

Pixel 2 sarà disponibile a partire dal 19 ottobre a 649$ nella versione da 64GB e a 749$ per quella da 128GB, mentre sarà necessario attendere il 15 novembre per Pixel 2 XL, che verrà proposto a 849$ per la variante base da 64GB e a 949$ per quella top da 128GB. In Italia dovrebbe arrivare solo il Google Pixel 2 XL ad un prezzo di 989 euro nella sola versione da 128GB a partire dal 15 novembre. Potete acquistarlo sul Google Store

Scritto da Giulio Antenucci

Amo la musica, mi mette di buon umore. Appassionato di tecnologia: #APPLE addicted; amo essere sempre informato riguardo le ultime novità tecnologiche. Mi piace fotografare ed amo stare in compagnia davanti una birra

Commenti