,

Nikon chiude la vendita dei suoi prodotti in Brasile

Nikon annuncia, tramite comunicato ufficiale, la chiusura della vendita dei propri prodotti in Brasile.

Nikon, tramite un comunicato ufficiale, chiude la vendita dei propri prodotti in Brasile, luogo dove il maggior profitto era dato soprattutto dalla vendita online di quest’ultimi. La decisione rientra nel piano riformativo ed economico della casa produttrice giapponese che sta provando attraverso vari tagli a rientrare nei bilanci annuali. Come sappiamo la Nikon non sta godendo di buona salute in questi mesi e questa decisione, insieme a quella della chiusura della sua fabbrica in Cina, è l’ennesima prova di come il mercato fotografico sia diventato ostile e difficile anche per i grandi marchi storici.

Nikon promette che i prodotti già acquistati dai clienti continueranno ad essere supportati ancora per anni da una servizio di assistenza e che i prodotti ancora nuovi presenti in negozio in Brasile verranno venduti senza garanzia. Insomma un altro importante sacrifico di Nikon per poter sopravvivere in questo mercato sempre più di nicchia.

 

Fotografo in erba, amo comunicare con le mie immagini e parlare del mercato fotografico e tecnologico nelle loro più complete e disparate forme

Commenti

  • Giovanni Fanuele

    L’idea che Nikon chiuda una distribuzione On-Line perché non redditizia, mi sembra fantascienza. Cosa ci sia dietro questa scelta, che non ascrivo assolutamente a quella della chiusura di uno stabilimento in Cina, perché completamente diversa e, questa si, legata alla ridimensione di quelle aree che, per via delle nuove tendenze di mercato non sono più redditizie, ma piuttosto credo che, quel mercato sia troppo influenzato da un andamento poco corretto e poco affidabile nel suo insieme.

    • Ciao Giovanni ti do sicuramente ragione, il mercato americano, soprattutto lato America del Sud, è per Nikon molto importante si vendono molte entry level e compatte. Quello che però è sicuro è che la casa produttrice ha bisogno di sicurezze in questo momento e non può rischiare ancora di perdere delle quote del mercato. Almeno questa è la mia considerazione da ignorante non avendo attitudine con le materie economiche o di marketing