,

AGCOM diffida due società di Amazon

L’AGCOM (Autorità per le garanzie delle Comunicazioni) ha diffidato due società appartenti ad Amazon per regolarizzare la posizione di operatori postali

AGCOM ha inviato una diffida a due società sotto il controllo di Amazon E.U Srl che lavorano per la colossale multinazionale, per regolarizzare la posizione lavorativa di operatori postali ed in quanto tale dovrebbero comportarsi. La novità è stata annunciata da una nota stampa pubblicata sul sito di Amazon dove precisa che Amazon Italia Logistica S.r.l e Amazon City Logistica come “servizio postale”.

Secondo Autorità del Garante delle Comunicazioni il servizio di recapito della merce acquistata su Amazon attraverso società controllate da Amazon o al recapito della merce negli armadietti automatizzati di Amazon. Diventando un servizio postale l’azienda sarebbe obbligata a rispettare le stesse leggi ed obblighi delle poste e dei corrieri in generale.

L’azienda quindi è costretta a mettersi in regola in materia di condizioni di lavoro previste dalle leggi statali ed anche agli obblighi contributivi sul personale impiegato.

Alla luce di ciò si delinea chiaramente che questa manovra effettuata da AGCOM deriva delle recenti proteste e scioperi del personale dipendente di Amazon alla vigilia del Black Friday. Il tempo per ottemperare alla diffida è stato fissato ad un massimo di 15 giorni a partire dalla ricezione dell’atto di diffida entro i quali le aziende devono essere in regola per quanto riguarda la legislazione annunciando tutti i cambiamenti effettuati.

Scritto da Davide Moro

Sono un ragazzo giovanissimo "tecnology addicted" pugliese precisamente di Ostuni, da quando ero piccolo già la tecnologia mi affascinava in tutti i suoi aspetti, alla fine è diventata una delle tante passioni che ho. E sopratutto mi piace condividerla con voi informandovi delle ultime notizie del settore.

Commenti