,

Xiaomi Mi Band 2 – Un anno dopo

La famosa Smartband della casa cinese ancora attuale

A distanza di più di un anno dalla sua uscita la Xiaomi Mi Band 2 rappresenta un’ottima soluzione per chi vuole una pratica smartband con tutte le funzioni necessarie ad un prezzo che si sta abbassando sempre più.

Nonostante l’uscita di una nuova smartband, la Amazfit Band, la seconda generazione della mi band è ancora in grado di tenere duro rendendosi parecchio appetibile.

Oggi più che una recensione voglio fare delle considerazioni su questa smartband economica, considerazioni che arrivano ben oltre un anno dalla sua uscita ufficiale. Vedremo perché vale ancora la pena acquistare una Xiaomi MI Band 2.

CARATTERISTICHE TECNICHE: IL PRODOTTO

La smartband, che posseggo in versione internazionale, arriva in una scatolina che contiene il cinturino in silicone morbido e gommoso, il cavetto USB di ricarica ed infine appunto l’activity tracker.

Il display è un oled da 0,42” , non molto luminoso, quindi poco visibile alla luce del Sole, in compenso il prodotto è IP67 (resistente ad acqua e polvere). La chicca vera è la presenza del sensore di battito cardiaco (HR). La batteria è da 45 mA.

Tramite l’unico tasto capacitivo è possibile scorrere sul display la tra data/calendario, contapassi, distanza percorsa, calorie bruciate, numero battiti e lo stato della batteria. Necessaria l’app per visualizzare i dati sui nostri smartphone.

L’APP PER SMARTPHONE

Ho utilizzato due app per interagire con la smartband: quella ufficiale e l’alternativa più qualificata.

L’app ufficiale MyFit (presente sia su Android che IOS) è essenziale nelle sue funzioni; presenta tre aree nelle quali è in grado di darci informazioni sul sonno, sul numero di passi e sulle attività giornaliere. Poi c’è l’area destinata alle attività ed infine l’area con il nostro profilo.

L’altra app che ho utilizzato si chiama “Mi Band Notify” e seppur non si tratti di quella ufficiale personalmente la preferisco poiché ricca di funzioni anche nella versione gratuita (la versione PRO costa 2,99 euro). Una nota negativa è forse la troppa pubblicità, ma l’app è indispensabile se decidete di voler ricevere anche gli avvisi e le notifiche sulla smartband tramite una forte vibrazione che consente anche di essere impostata come sveglia. Purtroppo con le notifiche non si può interagire, possiamo al massimo sapere da quale app arrivino ma non da chi. Lo stesso vale per le chiamate.

LA BATTERIA E CONCLUSIONI

L’autonomia della batteria è infinita, l’ho ricevuto completamente scarico e dopo averlo ricaricato in circa 2 ore ci ha messo 17 giorni a scaricarsi tenendo le notifiche attivate e il display che si accendeva alla rotazione del polso.

La smartband della casa cinese la si trova oggi ad un prezzo sempre più basso, ragion per cui la trovo molto conveniente e la consiglio a tutti coloro che non vogliono spendere una somma più alta acquistando un Fitbit o Garmin ma che comunque vogliono un activity tracker semplice ed affidabile per le attività fisiche quotidiane e non.

Molto utile anche solo per ricevere le notifiche  se magari preferite lasciare lo smartphone in tasca magari con il silenzioso.

Confronta i prezzi e vedila da qui

Il video a cura di TechWorldAleAnt:

Condividete gli articoli e seguite TechWorldAleAnt sui social!

              

Sono un trentenne appassionato di informatica e tecnologia e mi piace provare nuovi prodotti. Amo computer e smartphone e tutta le serie infinita di accessori e gadget ad essi collegati. Non sono un tecnico, mi piace descriverli e portare la mia esperienza in merito all'uso quotidiano.
Mi piace il cibo, il calcio, le donne e le stelle.

Commenti