,

Apple corre ai ripari da Spectre e Meltdown rendendo immuni i propri dispositivi

Apple aggiorna macOS Sierra, iOS, tvOS e WatchOS contro le falle Spectre e Meltdown delle CPU odierne

Nell’arco di queste ultime 24h a sole pochissime ore dallo scandalo che ha travolto i maggiori produttori di CPU al mondo come Intel, AMD e Qualcomm per il caso della falla di sicurezza Spectre, alcuni grossi colossi come Apple e Microsoft stanno rilasciando in queste ore delle patch per i loro sistemi operativi per arginare al problema della maggior parte delle CPU dei dispositivi mobili, smart, PC e Mac di tutto il mondo.

Cosa sono Spectre e Meltdown?

In breve Spectre (“spettro” in Italiano) e Meltdown (“fusione” o “collasso” in Italiano, utilizzato nel gergo del nucleare) sono due falle presenti all’interno di quasi tutte le ultime CPU moderne realizzate dai maggiori produttori di hardware al mondo, scoperta da alcuni ingegneri di Google, che permetterebbero ai malintenzionati di entrare nella memoria fisica (ossia hard disk o SSD) e di leggere o peggio rubare facilmente tutti i dati presenti nelle unità afflitte da queste falle.

Nessun dispositivo è “immune” da queste falle, infatti, nello scandalo sono coinvolti anche alcune aziende produttrici di CPU per dispositivi mobili, per IoT e perfino per centraline di autovetture.

Apple, per evitare ingenti class action da parte dei loro clienti ha deciso di rilasciare in queste ore alcuni update che arginerebbero il problema delle due falle.

Aggiornamenti di macOS, iOS, tvOS, watchOS e Safari contro le falle

Sono stati rilasciati già da ieri sera un Aggiornamento Supplementare di macOS High Sierra 10.13.2, insieme ad iOS 11.2.2, tvOS 11.1.2, watchOS 4.2 e sono disponibili per il download.


Consigliamo fortemente l’aggiornamento di tutti i vostri dispositvi Apple all’ultima versione disposibile dei vari sistemi operativi.


Apple, inoltre, ha pensato anche per tutti quei Mac che ha bordo non montano l’ultima versione di macOS come macOS Sierra 10.12.6 e Mac OS X El Capitan 10.11.6 rilasciando la versione 11.0.2 del browser Safari.

La società di Cupertino inoltre tende a specificare che questi aggiornamenti supplementari ai loro sistemi operativi e a Safari non sono dei veri “bug fix” ma servono soltanto a mitigare al momento il problema, arginandolo.

Entrare è facile, basta solo JavaScript

E’ stata la stessa società ad affermare che le due falle possono essere sfruttate attraverso l’utilizzo di JavaScript in esecuzione su un browser web, ecco perché il repentino aggiornamento di Safari attuato sia su macOS Sierra ed High Sierra e Mac OS X El Capitan (che non riceveranno il Supplemental Update destinato solo a High Sierra).

Apple rassicura la propria clientela confermando che i loro team di ingegneri e sviluppatori sta lavorando per studiare tutte le varie tecniche utilizzate per entrare nelle due falle, rilasciando tempestivi update per i loro sistemi operativi.

#Staytech #Staytechzoop

Buona reazione! 😀

Scritto da Stefano Santoro

Tutto ciò che riguarda hi-tech ed informatica mi ha sempre affascinato fin da piccolo, ho 20 anni e studio Informatica all'Università di Bari "Aldo Moro". Il mio sogno nel cassetto è fare della mia passione, l'informatica un lavoro; ma per ora mi fermo solo a condividere con voi questo nuovo, bellissimo ed inesplorato mondo che è l'informatica. That's me, enjoy it!

Commenti