in ,

Vivo presenta il primo smartphone con il sensore fingerprint integrato nel display!

Vivo X20 Special Edition potrebbe essere l’apripista di questa nuova tecnologia

Durante il CES 2018 di Las Vegas, sono state presentate molte novità che potrebbero rivoluzionare il mondo della telefonia mobile. Una di queste è il nuovo smartphone di Vivo, azienda cinese, che ha la peculiarità di possedere il lettore fingerprint all’interno del display: se dovesse funzionar bene, sarà sicuramento adoperato anche dalle altre aziende.

Tutto questo è stato possibile grazie alla collaborazione con Synaptics, azienda che si occupa di ingegnerizzare e costruire sensori ID.

Ovviamente sono stati effettuati molti test riguardo alla percentuale di affidabilità del Clear ID, ed è fuoriuscito che la percentuale di errore esiste, ma è molto bassa, circa 1 su 50.000.

Riguardo alla scheda tecnica, è la medesima del fratello Vivo X20 Plus. Infatti monta un display Amoled (scelta forzata dal fatto che questi sono molto più sottili dei classici display IPS, e questo garantisce una elevata affidabilità dello sblocco) da ben 6,43” con risoluzione FullHD+ (2160×1080 pixel).

Il cuore dello smartphone è un SoC Qualcomm Snapdragon 660, accompagnato da 4 giga di memoria RAM e 64 giga di spazio di archiviazione, ovviamente espandibile.

La fotocamera posteriore è costituita da un doppio sensore (12MP + 5MP) con apertura focale f/1.8, mentre la fotocamera anteriore è costituita da un sensore da 12MP con apertura focale f/2.0.

La batteria che è stata montata in questo Vivo X20 Plus “special edition” è di 3905 mAh; dovrebbe essere supportata la fast charge. Nota negativa è il fatto che venga ancora utilizzata la vecchia porta micro USB, e non la moderna porta USB type C.

Per andare incontro agli “audiofili”, Vivo ha dotato questo terminale di un DAC audio che ne migliora vertiginosamente la qualità. (Ultimamente molte aziende stanno optando per queste scelte).

Il sistema operativo che è stato installato al suo interno è Android 7.1.1 Nougat, personalizzato con l’interfaccia proprietaria FunTouch OS 3.0.

Riguardo al prezzo di quest’edizione limitata non si hanno ancora informazioni, possiamo dire che, la versione “non limitata” che però possiede le stesse caratteristiche tecniche (manca quindi il sensore d’impronte digitali implementato nel display) è di circa 515$.

Non ci resta che aspettare la messa in commercio di questo smartphone, e chissà vedere i prossimi device top di gamma di marchi blasonati, utilizzale la medesima tecnologia.

Written by Alessandro Ricatti

Sono un ragazzo di 21 anni che ha la passione per qualsiasi cosa abbia un display che si accenda. Preferisco gli smartphone Android perché amo la personalizzazione assoluta.

Microsoft ammette il rallentamento delle CPU contro le falle Spectre e Meltdown

Nuovo firmware 2.0 per la Sony A9