,

Telegram X disponibile su Android: le nostre prime impressioni

Telegram X è sbarcato su Android e noi l’abbiamo subito provato per voi

E’ passato davvero pochissimo tempo, da quando il nostro carissimo Matteo ci ha parlato dell’arrivo di Telegram X sui dispositivi iOS (se non avete letto il suo articolo, lo potete recuperare da qui: “Telegram X sarà la vera rivoluzione?“) e ci ritroviamo quest’oggi a recensire (seppur in maniera molto “flash”) il nuovissimo client di Telegram, Telegram X su sistema operativo Android.

L’applicazione Telegram X è l’alternativa ufficiale al client attuale di Telegram, sempre sviluppato da Telegram LLC la società fondata dal russo Pavel Durov, padre dell’oramai nominato “anti-WhatsAppdisponibile gratuitamente sul Play Store ed App Store, sia su iOS ed Android (non riteniamo che verrà sviluppata una versione nè per BlackBerry 10 OS nè per Windows Mobile 10).

L’applicazione, al momento solo in Inglese (ma non è un dramma per chi ne conosce le basi), è stata completamente ridisegnata in alcuni ambiti come nella pagina principale, nelle chat e nelle impostazioni e contiene intoltre alcuni interessantissime novità: tra cui alcune ve ne abbiamo parlato già nel nostro articolo “Gram la cryptovaluta di Telegram raccoglie 3,8 miliardi di dollari per lo sviluppo“.

Com’è Telegram X su Android? Cosa cambia dal client “stock” di Android?

Una volta scaricata ed installata l’applicazione, troveremo una schermata principale ridisegnata e molto user-friendly dove vediamo la schermata principale divisa in due sezioni: “Chats” e “Calls” (rispettivamente “Conversazioni” e “Chiamate”), al lato sinistro si può accedere al comodissimo menù laterale con le funzionalità più importanti e il nostro profilo in prima vista assieme alle prime due novità di questo Telegram X ovvero la “Night Mode” la classica modalità nottura che attiverà il tema scuro alla nostra app e la “Bubbles Mode” che attiverà, se lo desideriamo, le classiche nuvolette alle nostre conversazioni; in basso sulla destra troviamo come ci ha abituato sia Telegram sia WhatsApp, il classico pulsante per iniziare una nuova conversazione.

Uno dei punti di forza del nuovissimo client di Telegram sono le impostazioni dell’app che si semplificano e diventano più intuitive, ma in più nei settaggi del profilo vi è una nuova voce chiamata “Bio” abbrevviazione per “Biography” o in Italiano “Biografia” ovvero una piccola sezione dove ci possiamo descrivere in poche parole. Tra le “killer feature” più importanti inserite all’interno dell’applicazione vi è la possibilità tramite un tocco prolungato di un chat di vedere in anteprima il suo contenuto (in stile Instagram).

 

Poco di invariato all’interno delle schermate delle chat private e gruppo, infatti, le chat di Telegram X sono solo state leggermente ridisegnate senza stravolgere le funzionalità. I dati presenti nelle info del nostro contatto si arrichiscono però della sezione “Bio” come il nostro profilo personale ed è possibile filtrare per documenti, file, immagini, audio, link, video o gruppi i nostri allegati delle chat ricevuti o inviati con il nostro interlocutore o i nostri interlocutori (in caso di gruppi).

Le nostre conclusioni su Telegram X

Testando a fondo questo nuovo client di Telegram ci siamo resi conto che è un ottima alternativa al client ufficiale attuale e che molto probabilmente verrà sostituito con quello attuale e verrà utilizzato come futuro client ufficiale. Pensiamo ancora, però che manchino alcune cose davvero importanti all’interno dell’app come la lingua Italiana (anche se, ripetiamo, con una base di Inglese si riesce benissimo ad utilizzarla) e una sezione dedicata ai bot, che stanno diventando davvero molto utili ed è davvero confusionario tenerli assieme alle conversazioni, ai gruppi e ai canali.

Per il resto se cercate un app di Telegram un po’ diversa da quella di default potete scaricare tranquillamente questo nuovo Telegram X, tenendo anche contemporaneamente installata sul vostro dispositivo l’app classica di Telegram. Attenderemo ulteriori sviluppi in ambito tablet, web e Desktop/Laptop dove dovrebbero arrivare anche lì la nuova versione di Telegram X.

#Staytech #Staytechzoop

Buona reazione! 😀

Scritto da Stefano Santoro

Tutto ciò che riguarda hi-tech ed informatica mi ha sempre affascinato fin da piccolo, ho 20 anni e studio Informatica all'Università di Bari "Aldo Moro". Il mio sogno nel cassetto è fare della mia passione, l'informatica un lavoro; ma per ora mi fermo solo a condividere con voi questo nuovo, bellissimo ed inesplorato mondo che è l'informatica. That's me, enjoy it!

Commenti