in ,

Xiaomi presenta ufficialmente Redmi Note 5 Pro

Il nuovo smartphone Xiaomi promette prestazioni eccellenti ad un prezzo molto contenuto

Oggi, mercoledì 14 febbraio, è stato presentata ufficialmente la nuova gamma di smartphone targati Xiaomi: stiamo parlando de Redmi Note 5 e Redmi Note 5 Pro. I device in questione hanno, in parte, deluso le aspettative della community; infatti se la versione Pro adotta un nuovo stile per la casa cinese, la versione classica è paragonabile al già esistente Xiaomi Redmi 5 Plus.

Tralasciando la versione classica, che vedremo in seguito, analizziamo la Pro, la quale adotta in nuovo stile, che prende spunto da quello dello smartphone di Cupertino (vedi la forma della fotocamera posteriore).

Nella parte anteriore, è stato montato un display avente una diagonale da 5,99” con risoluzione FullHD+ (2160*1080 pixel), form factor 18:9 e vetro curvo 2.5D. Ovviamente, la quantità di cornici che circondano il display è molto ridotta, come si può notare anche dai suoi predecessori.

Il cuore pulsante di questo Xiaomi è costituito da un SoC Qualcomm Snapdragon 636, accompagnato da 4/6 giga di memoria RAM e da 64 giga di spazio d’archiviazione, a seconda della versione scelta.

Nella parte posteriore, troviamo la più grande differenza (le altre, a livello estetico, sono quasi impercettibili) rispetto ai device precedenti: non tanto per la fotocamera costituita da un doppio sensore (12MP+5MP), ma dalla forma che possiede. (Molto simile a quella dell’IPhone X; collocata nella parte sinistra, in alto, con le due camere che si sviluppano in altezza e no in lunghezza). In basso, in posizione centrale, troviamo il sensore fingerprint.

Nella parte anteriore, è stata collocata una fotocamera con sensore singolo da 20MP, avente la possibilità di sbloccare il device attraverso la scansione facciale: questa funzione verrà implementata a marzo attraverso un aggiornamento software.

La batteria che è stata scelta per questo Redmi Note 5 Pro ha una capienza di ben 4000 mAh: è stata supportata anche la tecnologia di ricarica rapida Fast Charge. Una pecca che caratterizza questo device è la presenza della porta micro USB 2.0: si poteva installare benissimo una USB Type C. (Purtroppo, pian piano, la porta micro USB verrà abbandonata a sé stessa).

I materiali che sono stati scelti per questo device sono premium: infatti si passa da un vetro Gorilla Glass anteriore, ad un monoblocco di alluminio posteriore, il quale può essere scelto in quattro colorazioni diverse: Black, Gold, Rose Gold e Blue.

Il sistema operativo che è stato installato all’interno di questo smartphone è Android 7.1.2 Nougat, personalizzato dall’interfaccia proprietaria MIUI 9.

Bisogna fare una precisazione: questo device, insieme al fratello minore, è stato prodotto principalmente per il mercato indiano, ma si pensa che venga commercializzato anche in Europa. I prezzi di lancio sono molto competitivi (solita filosofia vincente di Xiaomi): si parte da 176€ (13999 rupie) per la versione avente 4 giga di memoria RAM e 64 giga di spazio d’archiviazione, fino a 214€ (16999 rupie) per la versione avente 6 giga di memoria RAM e 64 giga di spazio d’archiviazione.

Xiaomi, anche grazie alla politica di mercato riguardante i prezzi dei suoi prodotti, è riuscita a posizionarsi terza nella classifica mondiale dei produttori. Dopo aver conquistato l’Asia e l’Europa, riuscirà ad incidere il mercato indiano?

Qui sotto vi riproponiamo la scheda tecnica dello Xiaomi Redmi Note 5 Pro:

  • Dimensioni dello smartphone: 158,5mm*75,45mm*8,05mm con un peso di 180g;
  • Display IPS da 5,99” con risoluzione FullHD+ (2160*1080 pixel), form factor 18:9 e vetro curvo 2.5D;
  • SoC Qualcomm Snapdragon 636 @1.8GHz con GPU Adreno 509;
  • 4/6 giga di memoria RAM e 64 giga di spazio d’archiviazione (espandibile);
  • Fotocamera posteriore con doppio sensore Samsung e Sony: una da 12MP con apertura focale f/2.2, l’altra da 5MP con apertura focale f/2.0, doppio FlashLED ed autofocus;
  • Fotocamera anteriore con sensore singolo da 20MP con apertura focale f/2.0;
  • Batteria da 4000 mAh con supporto alla Fast Charge e con ingresso micro USB;
  • Supporto alla rete 4G+, WiFi Dual Band, Bluetooth 5.0, GPS/ GLONASS e supporto al Dual Sim;
  • Sensore fingerprint posto posteriormente;
  • Android 7.1.2 Nougat con l’interfaccia proprietaria MIUI 9

Written by Alessandro Ricatti

Sono un ragazzo di 21 anni che ha la passione per qualsiasi cosa abbia un display che si accenda. Preferisco gli smartphone Android perché amo la personalizzazione assoluta.

homepod teardown ifixit

HomePod: svelati i suoi segreti grazie al teardown di iFixit

Zeiss presenta lo Zeiss Loxia 25mm F/2.4, ottica manual focus dalla prestazioni straordinarie