in , ,

Samsung Galaxy S9 Vs IPhone X: scontro fra titani

Samsung riuscirà ad eguagliare e battere Apple con la sua nuova gamma di device?

Ieri, al MWC, è stata presentata ufficialmente la nuova gamma di smartphone targati Samsung: stiamo parlando di Samsung Galaxy S9 e S9 plus. (è possibile trovare l’articolo dedicato qui).

Ovviamente, possiamo già azzardare qualche confronto con i device blasonati che stanno dominando il mercato: uno di quelli è l’IPhone X, storico rivale della gamma Galaxy S.

Costruzione e peculiarità

Esteticamente parlando, i due smartphone seguono delle scuole di pensiero che, a tratti sono simili, ma che divergono in molti punti. Infatti, entrambi tendono al design borderless, ma se il device di Cupertino ha cornici quasi inesistenti e, nella parte superiore, un notch nel quale sono alloggiati i sensori, quello di Samsung adotta una scelta abbastanza diversa: cornici superiori ed inferiori molto ridotte (quelle di IPhone lo sono di più) le quali contengono un display che, grazie alla tecnologia infinity, tende a strabordare lateralmente, dando un senso di immersione quasi totale. Ovviamente, riguardo al design sono entrambi accattivanti e, vantano il primato di aver “svecchiato” lo stile universale dello smartphone (vedi device che hanno introdotto il notch e device che hanno imitato l’infinity display).

I materiali con il quale sono costruiti entrambi i device sono “premium”: infatti parliamo di vetro per le parti anteriori e posteriori, e di metallo per i frame laterali.

Da evidenziare è la certificazione IP67 per l’IPhone X (resistenza alla polvere e all’acqua), mentre i Samsung possiedono la certificazione IP68 (dovrebbe garantire più resistenza)

E proprio nei display che è possibile cogliere l’altra differenza: se il device Apple ne monta uno da 5,8” OLED con risoluzione retina FullHD+ (458 ppi), i device Samsung sono dotati di display da 5,8” e 6,2” a seconda della scelta, con tecnologia SuperAMOLED e con risoluzione QHD+ (529/570 ppi).

Processore e memorie

Altra differenza sostanziale, la ritroviamo nei SoC e nelle memorie: se l’IPhone X monta un processore proprietario Apple A11 Bionic, con GPU Apple M11 accompagnato da 3 giga di memoria RAM e da 64/256 giga di spazio d’archiviazione non espandibile, i nuovi Samsung montano i nuovi processori Exynos9810 (in America verranno commercializzati con il Qualcomm Snapdragon 845) con GPU Mali G72 accompagnato da 4/6 giga di memoria RAM e 64 giga di spazio d’archiviazione, espandibile con una micro SD (max 400giga).

Comparto fotografico e multimediale

Riguardo al reparto fotografico, ci troviamo di fronte a camere di altissimo livello (quasi i migliori sul mercato degli smartphone): il device Apple possiede posteriormente una camera con doppio sensore da 12MP, con risoluzione molto alta (4608×2592 pixel) e con apertura focale f/2.8, e anteriormente una camera, integrata nel notch, con sensore singolo da 7 MP. I device Samsung possiedono posteriormente una camera con sensore singolo / doppio (a seconda della versione scelta) da 12MP, con apertura focale f/1.8 per la versione classica e 1.5/2.4 per la versione Plus, mentre anteriormente troviamo una camera con sensore singolo da 8MP. (Per il confronto dedicato al reparto fotografico dei device in questione, vi rimando all’articolo scritto da Gianluca).

Riguardo al reparto multimediale, Apple propone un doppio speaker altoparlante, il quale rende il suono più caldo; anche Samsung, finalmente, propone un doppio speaker, il quale è stato realizzato con la collaborazione di AKG: questo dovrebbe garantire una qualità del suono non indifferente.

Batteria

Un’altra differenza che è possibile cogliere tra due device è la capienza della batteria: nel device di Cupertino è stata montata una da 2716 mAh, con supporto alla Fast Charge, ricarica wireless e con jack proprietario lightning, mentre dei device coreani è stata montata una batteria da 3000 mAh/3500 mAh, con supporto alla Quick Charge, ricarica wireless e con jack USB type C. Ovviamente questi sono numeri, infatti oltre alla capienza della batteria, incidono molto anche altri fattori; infatti l’IPhone X ha una durata modesta, pur avendo una batteria che potrebbe sembrare “piccola”.

Software ed assistente virtuale

Ovviamente, queste sono “solo” differenze che riguardano la sensoristica, infatti quella più sostanziale la ritroviamo nel sistema operativo (Samsung ha finalmente implementato le AR Emoji, le quali sono già state adoperate da Apple) e nell’assistente virtuale: IOS Vs Android e Siri Vs Bixby. Ovviamente non è possibile decretare quale sia l’ecosistema migliore, infatti entrambi hanno dei punti in cui eccedono ed altri dove dovrebbero lavorarci ancora.

Sblocco e sicurezza

Altro punto in cui i device divergono è la sicurezza del device: se Apple punta tutto sul Face ID (e funziona molto bene), Samsung continua ad adoperare il sensore fingerprint che, finalmente, ha collocato al di sotto della fotocamera (non più decentrato, al lato destro) ed implementa altri sensori che dovrebbero garantire un eguale risultato: sensore che riconoscono il volto e l’iride.

Prezzo

Altra preoccupazione che attanaglia i possessori dei device in questione è il prezzo: Apple propone dei prezzi “molto alti”, infatti si passa dalla versione 64 giga da 1189€ alla versione da 256 giga da 1299€. (Da notare come i prodotti Apple non subiscono la “svalutazione”: infatti i prezzi dei prodotti non diminuiscono di molto). Samsung ha presentato i suoi prodotti a prezzi alti: si passa da 899€ per la versione classica a 999€ per la versione Plus. (I prodotti Samsung, invece, subiscono dei cali abbastanza importanti dopo qualche mese della commercializzazione).

Questo confronto è stato realizzato analizzando “solo” le schede tecniche dei device in questione

 

Written by Alessandro Ricatti

Sono un ragazzo di 21 anni che ha la passione per qualsiasi cosa abbia un display che si accenda. Preferisco gli smartphone Android perché amo la personalizzazione assoluta.

Qualcomm al MWC 2018 | Quanto e’ veloce la rete 5G

Wiko smartphone

Wiko annuncia Jerry3, Lenny5 e Tommy3 | Anteprima MWC 2018