Top News

Scuole e scuole secondarie riapriranno l’11 gennaio mentre le scuole primarie e medie sono il 7 Situazione regione per regione

Papà Friuli-Venezia-Giulia fino al 31 gennaio – “La scuola – afferma Massimiliano Fedriga, presidente del Friuli-Venezia-Giulia – dovrebbe essere una priorità, ma è tutelata se l’anno scolastico inizia e continua a frequentare, non se si continua a“ fermarsi e andare ”. Per questo le scuole superiori rimarranno in Friuli con la formazione a distanza fino alla fine di gennaio.

Veneto papà fino al 31 gennaio – La stessa linea è mantenuta dal vicino Veneto. “Non mi sorprende che il ministro Azulina stia lottando per riaprire – dice il governatore del Veneto Luca Zaia – ma al momento non è saggio. La situazione si sta deteriorando e dobbiamo rispondere con misure speciali”.

11 gennaio Per Giovanni Totti, che guida la regione Liguria, “sarebbe sciocco mandare i nostri figli a scuola il giovedì e il venerdì e poi chiuderla di nuovo il lunedì se avessimo ancora standard negativi”.

Ipotesi Lazio 18 gennaio – Anche nel Lazio si sta valutando la premessa di spostare al 18 gennaio la data di apertura del liceo, ma le decisioni definitive devono ancora essere prese.

Le ipotesi conclusive di ampliamento di Marche e Puglia – Lo stesso vale per le Marche, dove il 1 ° febbraio riapre il trend. Anche in Puglia non sono escluse lezioni frontali.

Lombardia in linea con Cdm – Lombardi si dice pronto a riaprire le scuole, ma la Regione fa capire che il buon senso ci impone di capire cosa accadrà nei prossimi giorni.

Toscana per riapertura immediata – La Toscana voleva decisamente partire il 7 gennaio. “Saremo una minoranza ma siamo convinti che il rapporto con docenti e studenti sia necessario, quindi, anche grazie al fatto che possiamo permettercelo con i dati, in Toscana il 7 gennaio si ricomincia con le scuole superiori”, hanno dichiarato il presidente della Toscana Eugenio Gianni e il consigliere per l’istruzione Alessandra Nardini prima della decisione nazionale che adatterà Con lui c’è anche la Toscana.

READ  Muore il designer e fondatore di Artemide Ernesto Jesmondi. Addio Boeri: il suo genio sarà perso

La Sicilia apre subito ma mio padre è in crescita del 50% Anche in Sicilia la scuola era pronta a riaprire, visto che il liceo sarà probabilmente del 50% fino al 18 gennaio, quando la curva epidemiologica lo permetterà, la percentuale salirà al 75%.

Ritorno improvviso in Campania – In Campania le scuole riapriranno lunedì 11 gennaio, ma torneranno in classe solo gli alunni della scuola dell’infanzia e delle prime due classi elementari, così come prima della chiusura delle vacanze natalizie. Dal 18 gennaio sarà valutato il potenziale di rientro per la frequenza alla scuola primaria da un punto di vista epidemiologico e dal 25 gennaio per le scuole medie e superiori.

Piano di resilienza in Sardegna – In Sardegna è stata sviluppata una nuova mappa per il rientro a scuola il 7 gennaio: orari flessibili, più trasporti e più controlli, anche con l’aiuto di volontari, per evitare la congestione davanti ai cancelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *